Bike, il ritorno della dinamo, lanterna superecologica

Addio ronzii e attriti fastidiosi: la versione più recente della dinamo combina efficacia e prestazioni eccellenti

Alcuni mesi fa, su questo blog, abbiamo pubblicato i nostri consigli per essere notati di notte un’esigenza assoluta per i ciclisti che dopo il tramonto desiderano tornare a casa incolumi.

Se essere visti è importante, lo è anche vedere: la capacità di individuare rapidamente buche, ostacoli e curve su strade poco illuminate fa la differenza tra una bella pedalata e un’assunzione di rischi inutili.

Vecchia dinamo della bicicletta

Perciò oggi parleremo di dynamoelektrische maschine, o, come si dice comunemente, dinamo, macchina che trasforma l’energia meccanica in energia elettrica.

Un prodigio che avviene semplicemente grazie a un cilindro magnetico intorno a cui è avvolto un filo di rame. Questo oggetto dal sapore vintage, nell’immaginario comune, ha saputo rinnovarsi e ritrovare una seconda giovinezza: siamo sempre più numerosi ad essere “dinamorati”.

La troviamo in molteplici versioni, adatte ad ogni tipo di ruota, con 32 o 36 raggi, e per bici dotate sia di freni a disco che normali. Quali sono i vantaggi di una dinamo moderna

1 – Senti come fila

C’era una volta la dinamo che faceva attrito premendo sul copertone, rallentando, per via dell’attrito, la pedalata.

All’improvviso pedalare era come nuotare controcorrente: faticoso.

E non si poteva neanche andare troppo piano, altrimenti la luce diventava sempre più tenue.

Oggi la dinamo è stata dislocata, viene integrata all’interno del mozzo, guadagnando in efficacia.

La pedalata non rallenta, la performance è salva. E anche se si va piano il meccanismo si attiva lo stesso, in modo perfetto.

Non solo, possiamo scordarci il ronzio della vecchia dinamo, questa è silenziosissima.

Naturalmente le prestazioni dipendono molto dalla marca e dal costo dell’apparecchio: consigliamo di investire nella migliore qualità. 

2 – Luce ed energia ad alta tecnologia

Luce della bicicletta con la nuova dinamo dislocata

La potenza dichiarata delle dinamo non è cambiata: è sempre 6 volt e 3 watt. Ma l’efficienza e il rendimento del led sono rivoluzionari, il che cambia decisamente le carte in tavola.

I led durano fino a 50mila ore, indipendentemente dalle ripetute accensioni, resistono a temperature e climi estremi, sopportano pioggia, vento e umidità, non patiscono le vibrazioni, funzionano a bassissima tensione.

Oggi questo tipo di lampade è in grado di illuminare a giorno le strade più buie, arrivando a produrre un fascio di luce che raggiunge, in alcuni modelli, i 90 lux

3 – Ricarichiamoci lungo la strada

La nuova dinamo è talmente efficiente che può essere utilizzata per ricaricare un alimentatore ad alta efficacia, che a sua volta caricherà tutti i dispositivi elettronici che vorremo collegare alla bicicletta e portare con noi in gita, dallo smartphone all’mp3, dal tablet al navigatore satellitare.

Il sistema è concepito per evitare eventuali sovraccarichi, e la tensione e corrente erogate possono essere regolate per evitare di danneggiare i dispositivi elettronici.

Alimentare il telefono grazie all’energia prodotta dalle proprie gambe: questa sì che è un’idea ecosostenibile.